UN SOLO VINILE PUO’ BASTARE

 In Aquila Signorina

di Gabriele Argazzi


Nell’abituale vagabondaggio su Discogs per trovare nuova musica da ascoltare, mi imbatto in un nome: Klimek.
“Probabilmente” mi dico “si tratta di dark ambient” (va di moda).
“Mah, apriamo la pagina e sentiamo”.
“Ha inciso su Kompakt e su Mille Plateaux … “Autopoiesis”, ma dai che ce l’ho anche !  E’ del 2000.  Vediamo che roba fa adesso … le copertine dei vinili mi sembrano interessanti”.
.
Il collezionista fiuta una traccia.
Frustrazione.
Non trovo gli abituali video da YouTube che gli utenti linkano sempre; i dischi nessun utente ce li ha in vendita sul marketplace di Discogs. Niente audio nemmeno su SoundCloud o su Bandcamp.  Neppure uno straccio di file o di clip nei negozi online più importanti. Niente versioni digitali; inutile cercare.
A questo punto rileggo le note delle singole release e vedo che dei dischi pubblicati – tutti a firma Klimek – su questa etichetta a me sconosciuta, la ‘Goulden’, ne è stata stampata … UNA SOLA COPIA (!?!)
Ma cos’è, uno scherzo ?ì
Una musica stampata su un singolo vinile, con tanto di titoli riportati diligentemente, durate, featuring artists, ma … che non si può ascoltare.
Perfetto oggetto del desiderio oppure oax in stile Sex Pistols …
Ormai sono agganciato e devo saperne di più.
.
I vinili risultano pubblicati per l’etichetta Goulden https://www.discogs.com/label/890680-GOULDEN
E l’artista – anzi gli artisti – non si nascondono; sono stati più indulgenti del previsto:
Sebastian Meissner: https://www.sebastianmeissner.me/
Emily Hochman: http://emilyhochman.com/index.html
Vogliono farsi incontrare.
Il gioco del senso si compie: 11 dischi, con la sleeve dall’interno dorato disegnata a mano, destinati a essere ascoltati o suonati dal vivo durante mostre o performance dai due titolari del progetto.
Tutto è spiegato qui: https://www.sebastianmeissner.me/work/#/goulden/ con annesso podcast di un’oretta dove gli undici vinili vengono raccontati a caso in un dialogo tra Sebastian e Emily.
Senza che però ne facciano ascoltare una sola nota.  Sebastian è quasi pedante nel citare i brani che lascia in sottofondo al dialogo !  Tutto materiale già uscito in passato.  L’invito che rivolgono esplicitamente è piuttosto ad andarli a trovare e a sedersi sul divano di casa loro, con la promessa che metterano un vinile a vostra scelta – tra i fatidici 11 che tengono appesi al muro – sul piatto del giradischi.

Goulden rimanda all’olandese per ‘moneta’ e la musica di Sebastian, così come l’oggetto-copertina che Emily ha disegnato con la sua penna biro, vengono intesi come moneta di scambio.

Nata a sua volta nata da uno scambio tra loro due.

Mandando in un benevolo corto circuito uno strumento come Discogs, nato per far conoscere e, soprattutto, vendere dischi e cd, Meissner e Hochman non vendono niente, ma sono riusciti ad arrivare a me; così come, immagino, a tanti altri.
 
Bella idea 🙂
 
Gabriele A.
Recent Posts

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt